Padella per Friggere – Migliori Modelli, Opinioni e Prezzi

Aggiornato il 20 Ottobre 2023

In questa guida spieghiamo come scegliere le migliori padelle per friggere per le proprie esigenze.

L’arte della cucina è ricca di piatti gustosi e profumati che hanno in comune soprattutto il tipo di cottura. Si tratta di quelle pastelle che vengono immerse in alimenti grassi e oleosi e che rappresentano il vasto ricettario delle fritture. Infatti, con una buona padella e un filo d’olio, o una noce di burro, si può friggere di tutto, dalle cotolette alle uova, dalla pasta alle patatine. Quello che serve è solo un impasto buono o un alimento turgido, l’olio e una padella. Ma se pensi che per le fritture vada bene qualsiasi padella devi ricrederti perché, per ottenere una frittura ideale e una doratura perfetta, devi usare la padella adatta.

Recensione Migliori Padelle per Friggere

Vediamo più nel dettaglio alcune delle migliori padelle per friggere disponibili sul mercato in questo momento.

Ballarini 35260F.24 Linea Firenze

Nella lista delle migliori padelle per friggere bisogna inserire Ballarini 35260F.24 Linea Firenze. Ci si trova infatti davanti ad un modello di grandissima qualità, sia per quanto concerne la tipologia di materiali che per la sua struttura. Del resto Ballarini è un marchio molto noto nel settore delle padelle e delle pentole, di conseguenza è logico aspettarsi il meglio da ogni stoviglia.
Per iniziare, ha un diametro pari a 24 centimetri, dunque abbastanza grande per cucinare diverse porzioni insieme. In secondo luogo, ha dei manici con un rivestimento atermico, che ti consente quindi di afferrarli anche senza i guanti da forno.
Nel pacco, oltre alla pentola, troverai anche il coperchio in vetro pyrex e l’obbligatorio cestello per friggere. Per quanto riguarda i materiali, Ballarini 35260F.24 Linea Firenze è realizzata in alluminio, una lega in grado di resistere anche alle temperature medio alte, fino a un massimo di 160 gradi. Questo modello in particolare è stato progettato anche per un utilizzo in forno, e non solo sui canonici fornelli. Inoltre, si tratta di una pentola facilissima da usare e molto comoda, anche per via del design ergonomico dei due manici laterali.
Il fondo è in alluminio, e questo favorisce ancora di più la trasmissione del calore in direzione della superficie interna, sempre omogenea. Nonostante non sia eccessivo, il prezzo è superiore alla media, e questo prova che ci troviamo davanti ad un modello di fascia alta, quindi di qualità superiore. In secondo luogo, è il caso di sottolineare che la padella Ballarini 35260F.24 Linea Firenze è molto facile da pulire, sempre per merito dell’alluminio. Infine, il rivestimento interno ha delle spiccate proprietà antiaderenti, cosa che impedisce agli alimenti di attaccarsi alla superficie.

Ultimo aggiornamento 2024-05-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Beka 13078204

Nonostante non sia un modello professionale, Beka 13078204 è una pentola per friggere di ottima qualità, con un diametro di 20 centimetri e con un corpo realizzato interamente in alluminio. Da un lato non è molto capiente, quindi non consente di preparare un numero elevato di porzioni, ma dall’altro compensa con la grande qualità dei materiali.
Inoltre, è ideale per le fritture, in quanto è dotata di ottime proprietà in termini di conduzione del calore. Tra le altre cose, avendo un fondo magnetico a triplo strato acciaio, alluminio e acciaio, è anche compatibile con la cottura sui piani a induzione. Oltre che sui piani a induzione, potrai ovviamente utilizzarla anche su quelli classici, come i fornelli a gas o in vetroceramica. Di conseguenza, a livello di versatilità troviamo una pentola molto performante.
La superficie interna è stata poi ricoperta con un rivestimento con ottime proprietà antiaderenti, mentre i manici sono sia ergonomici che atermici, quindi sono comodi da afferrare e non si surriscaldano mai. Ritornando alle misure, il diametro della base è di circa 13,5 centimetri, ed è un aspetto da tenere a mente quando cuoci alimenti a contatto con il fondo.
Ripetiamo che si tratta di un’ottima pentola per frittura, resistente e durevole, ideale per qualsiasi preparazione o piano cottura. Purtroppo è piuttosto piccola, e quindi è adatta più che altro per i single e per le coppie, e non per le famiglie numerose. Bisogna poi considerare che Beka 13078204 somiglia ad una sorta di wok con bordi alti, quindi è perfetta per tante preparazioni, come le verdure saltate e la pasta in padella. Risulta essere chiaro comunque che le migliori prestazioni le mette in campo in fase di frittura, ma la sua spiccata versatilità la rende una validissima alleata in molte occasioni in cucina.

Ultimo aggiornamento 2024-05-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Excelsa Friggì

Excelsa Friggì è una padella per friggere classica, quindi composta da una pentola bassa in alluminio e da un cestello traforato con manici. Ha un prezzo inferiore alla media, quindi rientra nella lista delle più convenienti. Si tratta di un vero e proprio affare, anche per via del suo design semplice e del colore argento, ideale per chi non apprezza le pentole nere. Inoltre, questa stoviglia ha una capienza di tutto rispetto, con un diametro di 24 centimetri, ma ricorda che è più bassa rispetto alle tradizionali pentole per la pasta.
Il cestello è una delle caratteristiche più positive di questo prodotto. Oltre ad essere molto resistente, infatti, è dotato di due manici che possono essere comodamente agganciati alla struttura. Inoltre, tu potrai utilizzarli per sollevare il cestello e per fare sgocciolare l’olio di frittura dentro la pentola, evitando di sporcare in giro e con zero fatica.
Inoltre, Excelsa Friggì può essere usata su qualsiasi fonte di calore, il che comprende anche i piani cottura a induzione. Infine, essendo in alluminio, potrai lavarla in lavastoviglie senza temere che possa danneggiarsi.
Essendo molto semplice, in questo caso i manici in alluminio non hanno un rivestimento, di conseguenza tendono a riscaldarsi. Per questo motivo ti conviene ricordarti che la pentola va afferrata indossando i guanti da forno o utilizzando in alternativa le presine, per evitare noiose scottature.
Nonostante non sia una pentola professionale, si adatta perfettamente alle fritture, ma nel tempo potresti riscontrare dei problemi a livello strutturale. L’alluminio infatti non è molto spesso e dunque potrebbe danneggiarsi se la userai in modo continuativo. Per il resto, è una stoviglia interessante e ottima per preparazioni specifiche come le patatine fritte.

Ultimo aggiornamento 2024-05-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Tognana Diamantea

Tognana Diamantea può essere considerata come la migliore pentola per friggere in commercio. Per prima cosa, abbiamo l’assoluta certezza della sua qualità, considerando che è stata prodotta da un marchio leader del settore. Inoltre, questo modello ha un insieme di accessori che comprende non solo il cestello per friggere, ma anche quello per la cottura a vapore. Questo significa che in quanto a versatilità Tognana Diamantea ha davvero pochi rivali, e volendo costa anche poco, se si considera la presenza dei due cestelli.
Le qualità da sottolineare sono numerose, a partire dall’alto livello dei materiali. La pentola è stata infatti realizzata in alluminio con rivestimento antiaderente interno, e la struttura ospita due manici che impediscono le scottature, in quanto non accumulano calore. Inoltre, è il caso di specificare che anche il coperchio presenta un elevato livello qualitativo, dato che è in vetro pyrex e integra addirittura un termometro per cottura. Il diametro è piuttosto ampio, in quanto arriva a 22 centimetri in totale, dunque permette di preparare diverse porzioni.
Occorre tornare ai materiali, perché il rivestimento esterno X-Bronze ti offre la possibilità di utilizzare questa pentola per fritture anche nel forno. Questo avviene per via della sua capacità di resistere alle temperature più elevate, e il prezzo alto lo si deve pure a questo particolare non di poco conto. Per quanto riguarda le modalità di cottura, Tognana Diamantea è adatta a tutti i fornelli classici e anche ai piani a induzione. Inoltre, il rivestimento interno ha delle proprietà antiaderenti superiori alla media, per merito delle particelle di polvere di diamante. Infine, è resistente nel lungo periodo, ha un design molto elegante e il sistema a cestelli ti consente di sgocciolare l’olio nella pentola senza sporcare il piano cottura.

Ultimo aggiornamento 2024-05-21 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Come Scegliere Padella per Friggere

Vediamo come scegliere una padella per friggere.

Una buona padella per friggere deve possedere delle caratteristiche che sono fondamentali. Per iniziare, deve scaldarsi molto velocemente e mantenere la temperatura in maniera uniforme in tutto il tegame. Per riuscirci deve essere realizzata con un materiale ad alta conducibilità di calore. Poi devi stare molto attento che la parte sottostante regga le alte temperature, sia fuori, dove è a contatto con la fiamma, che dentro, perché l’olio quando si scalda la fa diventare rovente.
Infine, nonostante ci sia la costante presenza di un elemento oleoso ad ungere il fondo e le pareti, le padelle dotate di un rivestimento antiaderente evitano che alcuni impasti, particolarmente soffici, possano attaccarsi e bruciarsi. Tra l’altro un rivestimento bono è molto utile, sia perché ti permette di usare una quantità inferiore di olio che perché rende più digeribile la frittura mantenendone la croccantezza. A questo punto non rimane che analizzare la padella per friggere elemento per elemento, iniziando proprio dal manico.

Manico

Il manico della padella per friggere non può essere un manico qualunque. Il materiale con il quale viene realizzato deve essere molto robusto e permetterti di reggere bene la padella, soprattutto quando fai saltare le fritture. Poi deve essere isolato in maniera ottimale perché devi poterlo stringere senza bruciarti le mani. Per stare al sicuro, quindi, è indispensabile che il manico della padella per friggere sia ricoperto da un materiale atermico e, data la sua costante vicinanza col fuoco dei fornelli, è meglio che sia anche ignifugo.
Infine questo manico deve anche essere fissato alla padella in modo molto solido e resistente per evitare che si stacchi mentre cucini. Generalmente questo fissaggio viene realizzato con dei sistemi di saldatura, solo se i due materiali sono sufficientemente compatibili da potersi fondere insieme efficacemente. In caso contrario il manico viene attaccato al tegame con due o tre borchie, in rame o in alluminio. In alcuni casi viene fissato con dadi e bulloni. Ma si tratta di un sistema meno usato, perché non è altrettanto affidabile.

Altezza del bordo

Il bordo della padella per friggere deve essere alto e svasato. L’altezza è importante perché devi potere riempire il tegame con olio abbondante. Alcune fritture, infatti, come le patatine o le pastelle di uovo, per cuocere bene da tutti i lati devono essere immersi nell’olio bollente.
La svasatura, invece, è importante perché devi poter far scivolare senza intoppi le frittate o le piadine sul fondo. In questo secondo caso ovviamente fondo e bordo della padella vanno unti e il tegame non va colmato d’olio.

Materiale

I materiali utilizzati per realizzare le padelle per friggere sono tendenzialmente degli ottimi conduttori. C’è da dire che alcuni materiali sono decisamente più dispersivi di altri e che, se per un certo tipo di cotture, come i sughi e i brasati, questa caratteristica è da considerare un svantaggio, per le fritture invece è l’ideale. Infatti, maggiore è la dispersione del metallo, più velocemente l’olio raggiunge le alte temperature, che sono indispensabili per ottenere una buona frittura.
Quindi sono perfette le padelle realizzate in ferro e in alluminio e vanno altrettanto bene quelle in rame e quelle in acciaio sottile. Quelle in ghisa sono meno veloci, ma mantengono più facilmente le alte temperature. Una caratteristica che ti permette mentre friggi di usare una fiamma meno viva.
In alternativa, soprattutto se vuoi usare meno grassi in frittura, puoi scegliere una padella per friggere rivestita in ceramica o in teflon, oppure acquistare un wok. Il wok è un tegame di origini orientali ed è perfetto per tutti i tipi di frittura. Questo perché è molto grande ed ha i bordi particolarmente alti. E a proposito di grandezza vediamo come comportarsi in merito alle dimensioni della padella per friggere.

Dimensioni

Il sogno di ogni appassionato di cucina è una parete attrezzata, con una fila di padelle di tutte le dimensioni appese al muro, possibilmente in rame ben lucidato. E non è sbagliato, perché, in effetti, ogni tipo di ricetta andrebbe realizzata con una padella dalle dimensioni ideali. Nella realtà le cose sono diverse, ma è comunque vero che il padellino per friggere due uova non va bene per una frittata e viceversa.
La soluzione ideale a questo punto potrebbe essere quella di acquistare tre padelle di tre dimensioni differenti, 24, 28 e 38 centimetri e un padellino per le uova.
Però fai sempre attenzione che anche in queste padelle per friggere sia presente un bordo abbastanza alto.

Accessori

Gli accessori più usati per la padella per friggere sono il coperchio, il cestello e il poggia padella. Nessuno dei tre è indispensabile però, in effetti, sono molto utili tutti. Vediamoli singolarmente.
-Coperchio della padella per friggere
Il coperchio della padella per friggere serve soprattutto se la frittura alla fine viene scottata al vino. Ma può tornare utile anche per le fritture continue, come per le patatine, e per evitare di bruciarsi con gli schizzi dell’olio caldo. Il coperchio della padella per friggere può essere dello stesso materiale del tegame, ma oggi è preferibile prendere dei coperchi in pirex. I coperchi in pirex, infatti, sono più utili perché sono trasparenti e ti permettono di controllare la frittura. Ovviamente controlla sempre che la circonferenza del coperchio coincida con la misura del bordo della padella.
-Il cestello
Il cestello per la frittura a volte viene venduto con la padella, ma lo puoi anche comprare a parte. Si tratta di un accessorio molto utile, soprattutto se alla fine devi scolare il cibo fritto nella padella e proseguire con la cottura di altra roba. Risulta essere comodo anche per fare gocciolare via l’olio rimasto sulla superficie del cibo e gustare le fritture in maniera più salutare. Quando prendi un cestello per la frittura però devi fare attenzione alla sua grandezza e ai manici. Il suo diametro, infatti, deve essere di poco inferiore a quello della padella e risultare anche meno profondo. Per quello che riguarda i manici invece devono essere coibentati, magari con un rivestimento in legno. Infine, devono essere realizzati in modo che si possano poggiare sul bordo della padella, quando tiri fuori il cestello, per fare colare nel tegame l’olio della frittura.
-Il poggia padella
Il fondo della padella per friggere raggiunge temperature molto più elevate della pentola per la bollitura. Per questa ragione, quando la sollevi dal fuoco, non puoi poggiarla sul tavolo o sul piano della cucina, ma devi metterla su un poggia padella. Il poggia padella, a differenza di un normale poggia-pentola è più spesso, più robusto e nella maggior parte dei casi realizzato in legno.

Padelle per Friggere più Vendute

Per concludere proponiamo una lista delle padelle per friggere più vendute online in questo periodo con il relativo prezzo.

Cliccando sui prodotti presenti nella lista è possibile leggere le opinioni dei clienti.

Nessun prodotto trovato.

Roberto Pinna

Roberto Pinna non è solo un cuoco, ma una vera e propria autorità nel mondo culinario. Con oltre un decennio di esperienza dietro ai fornelli, ha saputo affinare la sua arte culinaria in vari ristoranti, dai locali tradizionali alle cucine d'avanguardia.
Roberto si è specializzato nel conoscere a fondo ogni tipo di pentola, dalle più tradizionali alle più innovative. Questa sua curiosità lo ha portato a diventare un punto di riferimento per chiunque voglia scegliere la pentola perfetta per ogni esigenza culinaria.