Migliore Teglia per Pizza – Recensioni, Opinioni e Prezzi

Aggiornato il 22 Ottobre 2023

In questa guida spieghiamo come scegliere la migliore teglia per pizza per le proprie esigenze.

Per cuocere la pizza devi appoggiarla direttamente sul piano, realizzato in argilla refrattaria, di un forno a legna, dopo averlo portato al calore bianco. Ma visto che non sempre è possibile disporre di un forno da pizzaiolo, se ti vuoi cimentare nella cottura di una pizza fatta in casa allora devi accontentarti del forno domestico e mettere l’impasto in una teglia.

Le teglie che si usano per fare la pizza sono particolari e differenti dalle classiche casseruole, che invece sono perfette per il pesce e gli stufati. Tra l’altro è anche giusto scegliere la teglia in funzione del tipo di pietanza da infornare, ottenendo così un risultato che sia sempre soddisfacente. Infatti per ottenere una buona pizza non serve solo che l’impasto sia fatto bene, ma anche che la teglia sia quella giusta.

Recensione Migliori Teglie per Pizza

Vediamo più nel dettaglio alcune delle migliori teglie per pizza disponibili sul mercato in questo momento.

Teglia per Pizza Professionale Ballarini

Se sei interessato all’acquisto della migliore teglia per pizza, ti consigliamo di dare una chance a questo modello di Ballarini. Si tratta di una nota azienda italiana specializzata nella produzione di stoviglie, e in particolare di pentole. La qualità non è mai in dubbio, così come la convenienza economica. Se da un lato sai già che si parla di prodotti poco costosi, dall’altro fa sempre comodo risparmiare qualche euro.
Per quanto riguarda la struttura, è importante sottolineare che rispetto agli altri prodotti troviamo una particolarità. La teglia per pizza professionale Ballarini, infatti, è stata realizzata in ferro blu e ha degli angoli con forma svasata. Inoltre è molto versatile, dato che potrai utilizzarla non solo per la classica cottura della pizza nel forno elettrico o a gas, ma anche in quello a legna. Le misure sono pari a 40 x 30 centimetri, mentre l’altezza dei bordi arriva a 3 centimetri, quindi è perfetta per contenere in modo adeguato l’impasto per la pizza. La scelta del ferro blu non è casuale, considerando che questo materiale ha una capacità di ritenzione del calore molto elevata. Questo significa che il ferro blu è capace di immagazzinare quantità di calore superiori alle tipologie comuni di ferro. Al tempo stesso, dopo avere accumulato il calore, lo rilascia in modo graduale nel tempo, così da assicurare una cottura molto omogenea dell’impasto.
L’unico limite riguarda la preparazione iniziale della teglia. Prima di usarla, infatti, dovrai sottoporla ad un trattamento di bruciatura. Si tratta però di un’operazione necessaria, perché in questo modo eliminerai l’olio industriale presente sulla teglia, che ha lo scopo di proteggerla dall’umidità. Inoltre, aumenterai le sue capacità antiaderenti, impedendo alla pizza di attaccarsi e di bruciarsi.

Ultimo aggiornamento 2024-05-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Teglia Rotonda Master Class

Questa teglia per pizza Master Class è molto particolare, e soprattutto è molto diversa dai modelli classici. Per prima cosa, essendo stata realizzata appositamente per la cottura delle pizze, ha una forma rotonda e non rettangolare, come invece avviene con quelle tradizionali. Inoltre, ha una struttura forata che ha il compito di migliorare la circolazione dell’aria. In sintesi, la presenza dei fori ti consente di ottenere una pizza gustosa e croccante, ma mai bruciata.
Naturalmente si tratta di una teglia certificata, dunque realizzata con materiali sicuri e privi di qualsiasi elemento potenzialmente tossico. Risulta essere realizzata in ferro galvanizzato senza elementi come PTFE o BPA, dunque potrai usarla per cucinare senza temere alcuna complicazione.
Per quanto riguarda le misure, queste corrispondono ad un diametro di 32 centimetri e ad uno spessore molto ridotto, pari a 1 centimetro. Lo spessore in questione è ottimo, dato che favorisce la corretta lievitazione dell’impasto in prossimità dei bordi della teglia. La qualità del ferro è elevata, e questo ti permette di metterla in lavastoviglie.
Volendo dare un parere oggettivo sulla teglia Master Class, oggi è raro trovare teglie con una struttura del genere. Siamo spesso abituati alle classiche teglie rettangolari, ma in effetti il fondo forato e la forma circolare aiutano molto, dato che permettono di ottenere una pizza croccante e cotta a puntino. Ci sono però anche degli svantaggi legati alla presenza dei fori, come la necessità di tenere d’occhio i tempi di cottura. C’è infatti il rischio di fare seccare l’impasto. Infine, ha un prezzo superiore alla media ma, dato che costa comunque poco, questo non rappresenta un vero e proprio difetto.

Ultimo aggiornamento 2024-05-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Teglia Amazy in Pietra Refrattaria

Non si tratta di una vera e propria teglia per pizza, ma poco importa, perché la pietra refrattaria possiede delle caratteristiche uniche. Se hai il desiderio di cuocere una pizza degna di una pizzeria, allora ti conviene prendere in considerazione questo modello. Nello specifico, non esistono ad oggi materiali in grado di pareggiare la capacità di ritenzione del calore di una pietra refrattaria, e la teglia Amazy non fa ovviamente eccezione. Nonostante non si collochi nella fascia alta del mercato, assicura un accumulo del calore eccellente e un rilascio molto graduale, a vantaggio della croccantezza dell’impasto.
La distribuzione del calore è davvero uniforme e, inoltre, permette di raggiungere temperature di cottura molto più elevate rispetto a quelle native del forno. Questo significa che potrai cuocere la tua pizza contando su un calore quasi paragonabile a quello dei forni a legna professionali, ottenendo un risultato fantastico.
Le dimensioni di questa pietra sono pari a 38 x 30 centimetri mentre lo spessore arriva a 1,5 centimetri. Si tratta poi di un prodotto molto versatile, visto che potrai utilizzarlo anche con il barbecue per cuocere la carne.
Buona la dotazione di accessori, che comprende una comoda pala per pizza in dotazione, e la qualità della pietra è ottima. La teglia Hans Grill è infatti robusta e resistente nel lungo periodo, a patto di fare attenzione e di non lasciarla cadere. La combinazione con la pala, poi, ti consente di adagiare l’impasto sulla pietra in modo rapido e semplice. Il risultato finale è eccellente, dato che la cottura in forno concede alla pizza una doratura di livello, ma senza farla seccare. L’unico difetto riguarda le tempistiche, dato che qualsiasi pietra refrattaria richiede il  preriscaldamento del forno e una grande attenzione in fase di manutenzione.

Ultimo aggiornamento 2024-05-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Teglia per Pizza in Alluminio Agnelli

Chi cerca un modello classico, ha la possibilità di acquistare questa teglia Agnelli realizzata in alluminio e progettata per essere compatibile con la pizza. Per prima cosa è importante sottolineare che ci troviamo davanti ad uno dei marchi leader nel settore delle pentole e delle padelle. Di conseguenza, si tratta di una teglia di grande qualità, ma al tempo stesso poco costosa, anche se il prezzo è leggermente superiore a quello delle teglie in semplice ferro. Di contro, l’alluminio garantisce alcuni vantaggi molto interessanti, come la possibilità di reggere a temperature molto elevate.
Questa caratteristica ti permette di usare la teglia per pizza Agnelli non soltanto nei classici forni elettrici o a gas, ma anche in quelli a legna professionali.
Le dimensioni sono piuttosto elevate, considerando che questa teglia Agnelli misura 40 x 30 centimetri e ha un bordo alto 3 centimetri. Visto che si parla di un tradizionale modello rettangolare, è chiaro che potrai utilizzarla non solo per la pizza, ma anche per tante altre preparazioni. Considera poi che Agnelli, come suo solito, fornisce la possibilità di comprare teglie in diverse misure.
In sintesi, se hai bisogno di un modello più piccolo o con misure maggiori, ti basterà scegliere quello che ritieni più utile per la tua situazione.
Purtroppo l’alluminio ha anche degli svantaggi, dato che non si tratta di un materiale con proprietà antiaderenti. Questo significa che, per evitare che la pizza possa attaccarsi e bruciarsi, dovrai trattare la stoviglia con olio, ma non si tratta comunque di un procedimento complesso.

Ultimo aggiornamento 2024-05-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Come Scegliere Teglia per Pizza

Vediamo come scegliere la teglia per la pizza, in base ai differenti materiali con i quali vengono realizzate.

Teglia per pizza in ferro
La teglia per pizza in ferro è perfetta per tutte quelle pietanze che hanno bisogno di raggiungere temperature elevate molto velocemente. La pizza evidentemente è una di queste, per cui la teglia realizzata con il semplice ferro, senza l’aggiunta di elementi carboniosi, si presenta come la soluzione ideale per ottenere un’ottima pizza.
Purtroppo, però, la teglia in ferro ha il difetto di ossidarsi facilmente e di potere essere pulita solo a mano. Questo perché è molto facile che i residui rimangano incollati al fondo e alle pareti e che debbano essere raschiati a mano.
Le teglie in ferro sono particolarmente adatte anche per cucinare le focacce o per friggere i cibi con l’olio.

Teglia per pizza in alluminio
L’alluminio è un materiale molto utilizzato per cucinare in umido o per tutti quegli alimenti che vanno cotti in acqua bollente. Si tratta di un materiale economico dotato di un alto grado di conducibilità termica.
L’alluminio però ha il grande difetto di risentire degli urti e si ammacca facilmente. E poi le sue pareti sono molto porose e cucinando il cibo ci si attacca. Vero che basta del sapone per piatti e una spugna abrasiva e si puliscono per bene, ma comunque anche queste teglie vano lavate a mano e non sempre risultano ottimali per cuocere la pizza, a meno di non essere preventivamente oliate.

Teglia per pizza in lamiera alluminata
La teglia per pizza in lamiera alluminata coniuga una buona qualità ad un prezzo sufficientemente contenuto. Il materiale con il quale vengono realizzate queste teglie è una miscela di alluminio e silicio, capace di resistere fino alla temperatura di 295 gradi centigradi. Altra caratteristica molto interessante di questo materiale è la sua grande resistenza agli agenti ossidanti. La lamiera alluminata è impiegata soprattutto per realizzare le grandi teglie delle panetterie, che servono ad infornare il pane.

Teglia per pizza in acciaio
L’acciaio è uno dei materiali più resistenti che esistano in commercio ed è anche inattaccabile agli odori. Per questa ragione è molto apprezzato per la cottura di carni grasse, pesce e intingoli succulenti. Le teglie di acciaio inossidabile sono ottime anche per gli arrosti e per cuocere i pasticci al forno. Tra l’altro, almeno per quello che riguarda la pulizia, queste teglie non creano problemi. Infatti la possibilità che i cibi si attacchino è molto bassa e le puoi mettere anche in lavastoviglie.

Oltre al materiale, bisogna anche considerare la struttura della teglia, un aspetto che può influire sulla cottura della pizza. Per quanto riguarda la forma, non ci sono differenze importanti tra un teglia per pizza rotonda e una teglia per pizza rettangolare. La scelta deve quindi essere fatta in base alla quantità di impasto da cuocere e alle proprie preferenze. Con le teglie rotonde, infatti, è possibile realizzare le classiche pizze tonde mentre con quelle rettangolari è possibile realizzare una pizza simile a quella al metro.

Anche il fondo può essere differente da un modello all’altro.
-Teglia per pizza forata a buchi larghi. Si tratta di modelli che hanno sulla base dei fori di grandi dimensioni che rendono possibile una migliore circolazione dell’aria calda. Questa, entrando in contatto con l’impasto, permette di asciugarne l’umidità. Utilizzando teglie di questo tipo la cottura è più veloce, ma è necessario fare attenzione per evitare che l’impasto si secchi in modo eccessivo.
-Teglia per pizza forata a buchi stretti. In questi modelli i fori sono di dimensioni minori e la cottura richiede più tempo rispetto a quanto avviene con la teglia forata a buchi larghi. Il vantaggio è che c’è un minore rischio di seccare l’impasto.
-Teglia per pizza teglie a rete. Questi modelli sul fondo hanno una rete che offre la possibilità al calore di riscaldare l’impasto evitando che il fondo della pizza entri direttamente in contatto con le altre teglie, cosa che può comportare una cottura non omogenea dell’impasto.

Per quanto riguarda le dimensioni, la scelta deve essere fatta in base alle dimensione delle pizze che si vogliono cuocere. Le teglie per pizza presenti sul mercato hanno un diametro che parte da 20 cm per le teglie rotonde e che arriva ad un massimo di 32 per le teglie rettangolari. La lunghezza è solitamente compresa tra 20 e 40 cm.
Lo spessore, invece, non deve essere mai eccessivo, per fare in modo che la pizza sia fragrante e non molliccia. La misura consigliata è di circa 1 cm.
Anche i bordi dovrebbero essere bassi, in modo da permettere la circolazione dell’aria calda e fare in modo che il cornicione lieviti senza fuoriuscire.

Manutenzione della Teglia per Pizza

A questo punto è il caso di dedicare qualche riga in più alla pulizia e alla manutenzione della teglia in ferro, che è la più usata per fare la pizza.

Le teglie più convenienti per ottenere un’ottima pizza sono quelle in ferro. La teglia in ferro però è complicata da pulire e necessita di particolare attenzione. Per iniziare, essendo molto grande, non può essere pulita dentro un normale lavandino e ancora meno in una lavastoviglie. Tra l’altro è meglio che non rimanga a lungo in acqua per problemi di ossidazione. Quindi la soluzione migliore è quella di mettere la teglia sopra un piano, come il tavolo della cucina, ponendo sotto un’asciuga stoviglie in cotone. Poi devi passare al suo interno un foglio di carta da cucina di tipo assorbente e rimuovere per bene l’unto e i resti. A questo punto devi cospargerla di bicarbonato e strofinarla con un panno. Il panno deve essere umido quanto basta per formare col bicarbonato una pasta leggermente abrasiva. Questo impasto servirà a togliere lo sporco residuo sia dal fondo che dalle pareti. Alla fine rimuovi il bicarbonato con un panno umido e asciuga la teglia per bene con un altro foglio di carta da cucina. Se ci fossero dei resti ancora attaccati, allora puoi usare una spugnetta abrasiva imbevuta di un gel sgrassante e appena inumidita. Per pulire la parte esterna invece basta usare lo stesso gel sgrassante, passandolo sopra con la spugna umida, per poi rimuoverlo con il panno spugna.

Alla teglia per la pizza in ferro serve una manutenzione particolare. Per iniziare, devi assicurarti, dopo che è stata pulita, che essa si asciughi perfettamente. Per farlo puoi metterla nel forno caldo per qualche minuto, aspettando che il calore faccia evaporare qualsiasi traccia di acqua. A questo punto devi ungere per bene l’interno della teglia, utilizzando preferibilmente l’olio d’oliva, che il ferro assorbirà lentamente impermeabilizzandosi. Dopo molti trattamenti l’olio formerà una patina stratificata, con ottime capacità di protezione e di anti aderenza.

Nel caso in cui la teglia sia realizzata con materiali differenti, se vuoi ottenere una buona pizza ti basterà tenerla sempre pulita. Unica accortezza, sia per quella di alluminio che per quella di lamiera alluminata, è quella di conservarle preferibilmente già unte di olio. Un’abitudine che consentirà all’olio di penetrare nelle fibre del metallo e formare, col tempo, un’utilissima patina antiaderente.

Preparazione della Teglia per Pizza

Quando acquisti una teglia per pizza in ferro generalmente la trovi coperta con una patina particolare. Si tratta di una vernice che il produttore ha aggiunto alla fine della fabbricazione per preservarla dalla ruggine e dalle intemperie. Una coprente di tipo non alimentare che è stata realizzata con alcuni olio di origine minerale, mediamente tossici per l’organismo. Per questa ragione, prima di usare una teglia in ferro, dovrai effettuare un processo di bruciatura che serve a rimuovere questa pellicola. Per farlo dovrai mettere la teglia dentro il forno, senza metterci dentro neanche l’olio vegetale di protezione. Poi dovrai portare la temperatura del forno a 200 gradi e lasciarci la teglia dentro per almeno 10 minuti.
Questo processo servirà a bruciare l’olio minerale di protezione e a lasciare il ferro totalmente allo scoperto. A questo punto devi restituire al ferro la protezione di cui ha bisogno, per evitare che venga attaccato dalla ruggine. Quindi aspetta che la teglia si raffreddi, puliscila per bene con un foglio di carta da cucina appena umido e rimettila al forno fino a quando non è totalmente asciutta. A questo punto la devi estrarre, ungerla per bene con l’olio d’oliva e rimetterla al forno per una seconda bruciatura. Anche in questo caso la temperatura dovrà raggiungere i 200 gradi e la bruciatura proseguire per almeno 10 minuti. Terminato questo procedimento potrai finalmente conservarla per qualche giorno e poi utilizzarla per fare la pizza.

Teglie per Pizza più Vendute

Per concludere proponiamo una lista delle teglie per pizza più vendute online in questo periodo con il relativo prezzo.

Cliccando sui prodotti presenti nella lista è possibile leggere le opinioni dei clienti.

Ultimo aggiornamento 2024-04-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Roberto Pinna

Roberto Pinna non è solo un cuoco, ma una vera e propria autorità nel mondo culinario. Con oltre un decennio di esperienza dietro ai fornelli, ha saputo affinare la sua arte culinaria in vari ristoranti, dai locali tradizionali alle cucine d'avanguardia.
Roberto si è specializzato nel conoscere a fondo ogni tipo di pentola, dalle più tradizionali alle più innovative. Questa sua curiosità lo ha portato a diventare un punto di riferimento per chiunque voglia scegliere la pentola perfetta per ogni esigenza culinaria.