Come Sistemare le Pentole in Cassetti e Cassettoni

Aggiornato il 1 Aprile 2023

In questa guida spieghiamo come sistemare le pentole in cassetti e cassettoni.

La cucina è uno dei locali più utilizzati della casa. Può capitare di usare la cucina anche per aiutare i bambini a fare i compiti, mentre si prepara la cena. Chi apprezza la cucina sa che l’ordine è fondamentale. Infatti, quando serve una padella, una teglia o una pentola, la si deve potere trovare immediatamente. Quando si arreda la cucina per la prima volta, le tre o quattro stoviglie presenti, ancora lucide e fiammanti, vengono appoggiate sulle scansie in bella vista. Ma dopo poco tempo aumentano e non si sa più dove conservarle. Allora bisogna organizzarsi e fare in modo che vengano stipate nei vari mobili della cucina, approfittando dei cassettoni, che sono più capienti. Vediamo come sistemare le pentole in modo organizzando, iniziando dal tirare fuori dal cassettone tutto quello che c’è dentro.

Svuotare il cassettone

La prima mossa è certamente quella di svuotare per intero il cassettone e disporre tutto il contenuto sul tavolo della cucina. Molto probabilmente troverai della roba inutile, magari da buttare, oppure oggetti e strumenti di uso non frequente, che è meglio conservare altrove. Non c’è momento migliore per fare una cernita e capire cosa deve tornare nel cassettone e cosa no.

Svuotare il cassettone non serve solo a fare ordine, ma anche a capire quali sono gli spazi disponibili e come organizzarli per metterci dentro le pentole. Metro alla mano, quindi, capirai immediatamente quali pentole puoi conservare nei cassetti del cassettone e quali invece vanno altrove. A questo punto però, prima di riempirli ancora, è meglio pulirli a fondo.

Pulire i cassetti del cassettone

Anche se sembrano bloccati a fine corsa, i cassetti del cassettone possono essere rimossi dall’intelaiatura. Questo ti permette di pulirli con maggiore attenzione, raschiando macchie e aloni, eliminando i residui incrostati e rimuovendo, se c’è, la vecchia protezione adesiva, ricettacolo di germi e batteri. Un’operazione che ti permette anche di disinfettare il fondo e le pareti dei cassetti, magari utilizzando dei prodotti naturali, come acqua e aceto bianco.

Alla fine, quando i cassetti sono puliti e asciutti, puoi proteggere l’interno con un foglio di materiale lavabile o rimettere la carta adesiva, da sostituire ciclicamente. A questo punto devi passare in rassegna le pentole da sistemare nel cassettone.

La cernita delle pentole da sistemare nel cassettone

C’è sempre la tendenza a conservare le cose che non si usano, comprese quelle vecchie e rovinate. Questa però è una scelta che ruba spazio alle pentole che utilizzi continuamente. Quindi è arrivato il momento di fare una cernita ponderata.

Le pentole del cassettone, infatti, vanno divise in tre gruppi. Ci sono le pentole rovinate e graffiate, che non è corretto continuare ad usare e che vanno nel gruppo delle cose da gettare. Poi ci sono quelle che si utilizzano raramente, oppure che non si usano del tutto, ma sono ancora in buone condizioni. Queste vanno conservate negli stipi meno usati, magari in camerino o nella zona servizi. Poi ci sono quelle che si utilizzano spesso e vanno messe nel cassettone.

Come sistemare le pentole nel cassettone

Per sistemare le pentole nel cassettone si possono seguire due strategie. La più comune è quella di impilarle dopo averle selezionate per frequenza di utilizzo. Quelle più usate infatti vanno sistemate insieme e nei cassetti più comodi da raggiungere. L’altra è quella di usare degli organizer, che servono a razionalizzare ed ottimizzare gli spazi all’interno dei cassetti. In questa maniera le pentole rimangono perfettamente in ordine e sai sempre dove trovarle. Gli organizer, infatti, dividono il cassetto del cassettone in tanti scomparti, che ti permettono di tenere le stoviglie in ordine e ben separate tra loro. Infatti nel cassettone non ci stanno solo le pentole, ma anche coperchi, posate e tovaglie.

Ultimo aggiornamento 2024-03-22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

I coperchi delle pentole sono molto importanti e vengono utilizzati con la stessa frequenza con cui vengono usate le pentole. Quindi devono essere altrettanto reperibili. In questo caso la soluzione migliore è quella di mettere un paio di organizer nei cassetti, uno dedicato ai coperchi grandi e uno per quelli più piccoli. Ancora meglio se i coperchi hanno i manici che si possono smontare, perché togliendoli puoi metterli uno sull’altro e risparmiare spazio.

Anche per le posate esistono degli organizer molto efficienti. Ci sono quelli impilabili, che ti permettono di avere due o tre vani organizzati, messi uno sull’altro. Oppure ci sono quelli con le guide avvitate ai bordi del cassetto. Una soluzione decisamente più comoda ed efficiente, perché non devi sollevare l’organizer per accedere a quello sottostante. Infatti ti basta fare scorrere sulle guide quello di sopra, per prendere le posate collocate nell’organizer di sotto.

Per quello che riguarda le tovaglie, invece, la soluzione migliore è quella di dedicare un unico spazio nel cassettone, lasciandoci dentro solo quelle di uso quotidiano. Le tovaglie e i tovaglioli che si tirano fuori per le cene con gli ospiti, invece, è meglio conservarle nei cassetti della stanza da pranzo.

 

Roberto Pinna

Roberto Pinna non è solo un cuoco, ma una vera e propria autorità nel mondo culinario. Con oltre un decennio di esperienza dietro ai fornelli, ha saputo affinare la sua arte culinaria in vari ristoranti, dai locali tradizionali alle cucine d'avanguardia.
Roberto si è specializzato nel conoscere a fondo ogni tipo di pentola, dalle più tradizionali alle più innovative. Questa sua curiosità lo ha portato a diventare un punto di riferimento per chiunque voglia scegliere la pentola perfetta per ogni esigenza culinaria.